lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Madre dell'Amore

A Mariam



A MARIAM MADRE DELL'AMORE
lacrime e sorriso per l'umanità

Tu sei il golfo, la baia, l'approdo
dove ripara la barchetta umana,
la nostra vita fragile
squassata dai marosi,
la mente insidiata,
il nostro cuore incerto.
Un abbraccio che culla e manda più lontano
ansie e tormenti,
mitiga paure
braccia di mamma, di amica, di sorella,
cuore di donna,
dolcezza in ogni cosa.
Grandezza infinita, discesa nella carne
martoriata dal dubbio,
dal dolore e dall'affanno,
arresa al SI' dell'accettazione
sorriso tra le lacrime ed infinito amore.
Tenerezza per noi,
piccoli uomini distratti
inconsapevoli e, a volte, indifferenti
al grande dono che ci è stato dato,
bagaglio di paure e pieni di arroganza.
Alta la testa, ma chino sia il ginocchio
alla tua umiltà e alla preziosa offerta
di dolore e lacrime,
fatta per noi tutti
per disperdere le Tenebre e disgregare il Male.
Che il SI' regni sovrano,
come tu stessa hai fatto,
nell'inconsapevolezza della sofferenza
che ti si preparava
per amore dell'Amore.
Il SI' che hai confermato nel giorno del Dolore
per aprire la strada alla vita
e alla Resurrezione,
della carne e dell'Umanità.





























































Claudio Baglioni
canta
l'Ave Maria di Schubert


Torna ai contenuti | Torna al menu