lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

10-2-92 dallo spirito R.

LA SAPIENZA

dallo spirito R.


Anime, anime, anime stanno accorrendo a voi da ogni parte, imploranti chiedono preghiere, sacrifici, gesti d’amore per la loro purificazione. Sono creature che languono e che non sono in grado di sbloccare la loro situazione perché nessun aiuto è stato loro concesso, né in Cielo, né dalla terra. Sono creature che hanno vissuto nel mondo e si sono immolate per il mondo; tutto hanno fatto per vanità, per ambizione, per egoismo, per orgoglio. La loro aridità è diventata talmente profonda che da soli non sono in grado di risalire verso la più lieve fonte di Luce e di Calore. Siete voi disposte a sacrificarvi un poco per queste anime che a voi si aggrappano e che da voi sperano un po’ di sollievo?
Questo vuol dire ascoltare una Messa in più, recitare un Rosario, sopportare un’offesa pensando a loro e raccomandandoli al Padre Celeste. Forse è superfluo ricordarvi che Dio gradisce molto questi atti di generosità e siate sicure che l’Altissimo saprà ricompensarvi per tutto quanto di bene saprete fare per coloro che si affidano alla vostra magnanimità.
La Madonna è qui, vi sorveglia e vi dirige. Lei, l’Immacolata, desidera con tutto il suo cuore di madre vedere le vostre anime candide e luminose di purezza e semplicità. La Madonna vorrebbe che i vostri cuori si dilatassero e, abbracciando l’umanità con tutte le sue miserie, si dirigessero attraverso la preghiera all’altare del Sommo Bene che tanto spera e aspetta. Dio Padre non desidera da voi grandi imprese, ma slanci d’amore che vi uniscano al Suo Amore e ricadano poi sui vostri fratelli tutti, nessuno escluso. Il desiderio di Dio è uno, che voi impariate ad amare, ma per imparare ad amare dovete dimenticare voi stesse, completamente. Non sono i grandi atti eroici che innalzano sino a Dio, ma la compunzione del cuore, quel sentirsi come bambini affidati alle cure di un genitore nel quale si ha la massima fiducia. Anche voi dovete imparare questa stessa confidenza: andate al Padre nella vostra povertà, sapendo che il suo Amore di Padre vi darà tutto ciò di cui avete bisogno per la vita eterna. E’ questo il punto che vi rimane oscuro: Dio dà tutto quanto occorre per la vita eterna, tutto quanto l’uomo chiede e molto di più. Perché l’uomo sulla terra è accecato dall’ignoranza e continuamente inciampa in questa ignoranza e in questi limiti, mentre il Padre del Cielo che spazia con lo sguardo, arriva fin dove l’uomo non è in grado di spingersi. A voi manca questa fiducia e questo abbandono: vorreste avere subito quanto vi occorre per un giorno e però non capite che potreste restare nudi per tutto il resto della vita.
Vi raccomando la preghiera, la preghiera del cuore, la lotta alle vostre debolezze. Lo Spirito Santo rafforzi la vostra virtù e la completi.

Torna ai contenuti | Torna al menu