lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

11-10-93 angelo Pietro

LA SAPIENZA

lo spirito R.

Vivete in quest’epoca particolarmente confusi, troppe verità vengono proclamate, troppi rimedi facili vengono consigliati, il disorientamento è totale. La legge di Dio in questo marasma può sembrare arcigna e irragionevole, purtroppo l’uomo ha la pretesa ormai di giudicare da solo ciò che è bene e ciò che è male, i princìpi  della  Chiesa a fatica cercano di mettere ordine nella vita dell’uomo. Vero è che con troppa superficialità si costruisce e si distrugge, si compra e si vende; la violenza è a tutti i livelli: violenza morale, fisica, violenza nelle istituzioni, persino i sentimenti sono vissuti con arroganza e prepotenza. La pace è un miraggio, il senso di responsabilità un peso insopportabile, il dinamismo della vita interiore viene soffocato dalla vita convulsa nella quale vi muovete che vi impedisce di riflettere, di ponderare.
Angelo Pietro
E’ come quando trangugiate una bevanda senza sorseggiarla: voi state vivendo così. Avete preso la brutta abitudine di non fermarvi mai a riflettere con il vostro cervello e permettete agli altri di confondervi con le loro convinzioni scaturite da esperienze lontanissime dalle autentiche esigenze che l’uomo porta dentro di sé. Bisogna convincersi che Satana è forte, mentre l’uomo è decisamente fragile. Vorrei che vi soffermaste a riflettere su questo punto, che imparaste a ragionare all’interno del vostro cuore turandovi le orecchie. Dovreste partire dai frutti che sono sotto i vostri occhi, i frutti prodotti dalle esperienze che oggi tanto festosamente vengono accettate come liberatorie.
Questi frutti, ve lo dico chiaro e tondo, sono velenosi: belli a vedersi, facili da raggiungere, ma provate a morderli: il loro sapore è talmente nauseante che difficilmente riuscite a ingoiarne la polpa. E’ necessario un riarmo morale, è necessario liberare le vostre anime dalla schiavitù del peccato: Dio vi ha fatti per la libertà. Ad un peccato ne seguono molti altri. Più l’uomo si dibatte, più i lacci nei quali Satana vi stringe vi impediscono di comprendere. L’abilità di Satana consiste nel farvi credere che i rimedi ad un male, ad una colpa, ad un errore, sono facilmente raggiungibili e che, se vi libererete della legge di Dio, potrete camminare nella via del benessere, del lusso, del gaudio, del piacere, della sensualità. Ma così non è. Tutto ciò che vale costa. E, visto che parlavate della famiglia, ci tengo a sottolineare che l’armonia di una coppia si costruisce nel rinnegamento di sé e nella comprensione dell’altro. E’ difficile, lo so, può addirittura essere impossibile quando ci troviamo di fronte a creature di diversa sensibilità e maturità. Voi mi direte: allora, una delle due soccomberà! No, vi rispondo, non soccomberà se saprà camminare alla luce della sua dignità, con senso di responsabilità e piena padronanza di sé. E’ difficile per voi, lo so, comprendermi, eppure è così.
R.
Il faro c’è ed è lì proprio perché non perdiate la rotta. Ascoltate meno il chiasso di questo secolo che sta rantolando e cercate di avere nel cuore e nella mente quel giardino luminoso, fresco, rigoglioso, carico di colori che è il regno dello spirito. Dio è nella musica, nei colori, nel fresco delle acque, nel caldo del sole, nell’azzurro del cielo, in un sorriso di bontà. Se vi eserciterete in questo, socchiuderete la porta della contemplazione; potendo, parallelamente organizzatevi per mettere finalmente in pratica la carità verso gli ultimi. Ormai sapete come organizzarvi con parenti e amici, con i vicini e conoscenti: è il momento che vi esercitiate nell’altruismo, nella disponibilità, riducendo i vostri bisogni, rinnegando le vostre esigenze (parlo di quelle materiali).
Io vi aiuterò. Dio ha puntato il suo sguardo su di voi: Dio è Padre, un padre amorevolissimo, ma, quanto più ama, tanto più esige, perché l’amore che Dio ha per voi, e da cui dovete lasciarvi illuminare, si irradi intorno a voi e coinvolga tutti, nessuno escluso. Io lavoro con voi e vi prometto tanta gioia, tanta pace e un’abbondanza di grazie oltre alla Grazia con la maiuscola.
Ora vi lascio, perché è giusto che vi lasci con questi pensieri. Non ritengo, infatti, più necessario parlare a voi di voi, mentre il mondo ha bisogno di voi. La Madonna vi benedice promettendovi la sua costante assistenza.
Pregate con le labbra, pregate con la mente, ma, soprattutto pregate con il cuore,
La benedizione della Trinità vi confermi nell’amore di Dio. Amen.










Torna ai contenuti | Torna al menu