lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

12-4-96 da Gesù

LA SAPIENZA

da Gesù

Figlie mie dilette, il chiasso lo sento e il disordine lo vedo. Avete tutta la mia comprensione. Vi vedo lottare con le vostre povere armi il potente nemico infernale, sono qui per consolarvi e rassicurarvi del mio amore. Sì, perché Io, piccole mie, vi amo tenerissimamente, permetto che il Male vi sfiori, ma non permetto che vi contamini. Perché questo, vi chiederete. Perché altri, se voi non faceste da scudo, molti altri si lascerebbero contagiare dal Male. Il vostro esempio, la vostra pazienza, il vostro atteggiamento mite, scombussola continuamente i piani del maligno. Questo lo dico soprattutto a M., che sta sostenendo battaglie veramente eroiche, ma non è sola come lei dice, perché molti dei miei Angeli la sostengono e la illuminano sul da farsi. D. è attaccata da tutte le parti, con intralci e impedimenti che la trattengono sempre nella stessa situazione, ma Io ti dico, D., abbandonati alla Provvidenza, perché già tutto è scritto, già tutto è stato deciso nel momento stesso in cui tu ti sei affidata a Me.
Voi vorreste capire di più e meglio, ma fidatevi di quello che vi dico, non è pensabile e non è possibile che voi sappiate di più di quanto è giusto che conosciate. Se così non fosse, i vostri sforzi non darebbero risultati positivi. Dio vuole la vostra fiducia incondizionata, dovete essere come piume al vento e lasciarvi trasportare. L’ordine di Dio è perfetto, perfetti i suoi tempi, nulla viene lasciato al caso, nulla all’improvvisazione, tutto è in armonia con la mia volontà. In questi giorni M. ha visto come, senza rendersene conto, si è trovata fuori da situazioni ingarbugliatissime e, quando piangendo Mi supplicava, la mia risposta era una e sempre la stessa: abbandonati alla Provvidenza. Capisco che, in certi momenti, questo abbandono è particolarmente difficile, perché parrebbe che ci siano scelte da affrontare subito, ma così non è. Io non ho bisogno che voi mi ricordiate niente. Io Sono. Io Voglio. Io Eseguo. Io sono potente, il solo giusto, il solo misericordioso e tutto è nelle mie mani. I miei figli questo non devono scordarlo mai. Voi siete il mezzo di cui mi servo per aggredire il Male e vincerlo attraverso la materialità. Avrei poteri maggiori , se volessi, ma a discapito dell’uomo e Io voglio l’uomo, voglio la crescita dell’uomo, voglio sviluppata la sua spiritualità e la conoscenza della verità. Per questo mi servo dei miei mezzi, dei miei strumenti per raggiungere, anche a loro insaputa, le persone che agonizzano, per ridare loro la vita. Ricordatevi di Me sulla croce: ero agli estremi, ho gridato l’abbandono del Padre, pure, ho resistito fino alla fine. Mi sono totalmente consumato e, oggi, quanti di voi camminano grazie al mio esempio. Domani molti cammineranno per il vostro esempio. Siate nella pace, siate nella gioia. Siete nella mia Misericordia. Vi abbraccio con le mie piaghe gloriose e vi nascondo nel mio costato. Voi siete la Chiesa. Amen, Alleluia.



Torna ai contenuti | Torna al menu