lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

15-4-96 da Gesù

LA SAPIENZA

da Gesù

Voi dite di amarmi e, di fatto, una piccola parte del vostro cuore è mia, ma desidero da voi maggiore raccoglimento, maggiore spazio per la preghiera: essa purificherà i vostri sensi, allargherà i vostri orizzonti, dilaterà la vostra generosità. La preghiera ha ali potenti, utilizzatele per elevarvi e non avrete più perplessità né tentennamenti sul da farsi.
Quando il mare è limpido potete guardare nei suoi fondali i sassi, le conchiglie, i pesci che guizzano argentei; quando il mare è agitato si intorbidisce e non consente più che si scruti nelle sue profondità. Così è la preghiera: essa rende il vostro intimo spirito, la parte più profonda di voi, ben visibile, ma, quando ve ne allontanate, tutto diventa caliginoso.

La preghiera porta la pace,
la pace porta la creatività,
la creatività porta alla gioia,
la gioia porta al rinnegamento di sé,
il rinnegamento di sé porta alla donazione totale,
la donazione totale porta all’oblazione perfetta
che vi rende vittime e sacrificio gradito a Dio.

A questo punto Dio vi utilizzerà, vi raccoglierà nel suo cuore, vi trasformerà in nutrimento per quanti sono nella morte e nella miseria umana.
Meditate questo discorso che stasera vi ho fatto, ma meditatelo nella fornace ardente della Mia Misericordia, cioè leggetelo con quell’amore grande con cui vi è stato dettato, amore semplice, forte, luminoso e ardente come solo il cuore di Dio è.
Siate nella pace. Alleluia. Rileggete il salmo n. 8.

Torna ai contenuti | Torna al menu