lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

25-11-91 dalla Madonna

LA SAPIENZA

dalla Madonna

Figlie carissime, siamo in Avvento, il tempo della mia e vostra gestazione. Gesù piccolo vuole formarsi nei vostri cuori, prendere possesso del vostro intimo, ravvivare la vostra coscienza, incendiare il vostro cuore, illuminare la vostra intelligenza: tutto per farvi essere degne della sua santità che verrà donata a voi il giorno della sua nascita. Come una mamma che nella trepidazione, nella contemplazione, nella gioia, aspetta il suo bambino, preparandosi e preparando tutto quanto occorre per il lieto evento, così voi dovrete essere pronte a ricevere nei vostri cuori questo Dio umanato, dolce, piccolo, povero, divino e accoglierlo nei vostri cuori con la sollecitudine con cui ogni mamma stringe tra le braccia la creatura nata dalla sua carne per intervento divino. Siete pronte voi a questo? Volete provare con me ad aspettare Gesù? Se me lo permetterete, io vi guiderò al silenzio, nella modestia, nella carità, nella mortificazione.
Si fa sera, è notte, si fa mattina, splende il sole, tramonta, è nuovamente sera. Questo è il cielo del vostro tempo. Il tempo di Dio è simile a questo: si fa sera e si fa notte per quanto riguarda tutto ciò che è del mondo. Le luci della vanità, dell’orgoglio, della mondanità, del successo si vanno affievolendo. Sorge l’alba di un nuovo giorno, fatto di fraternità, di generosità, di coraggio, di buonsenso, di capacità di alleviare le sofferenze, poi splende il sole della carità, dell’amore, che tutto trasforma, che tutto riempie, che tutto purifica, che tutto corregge, che tutto vivifica, che tutto riscalda. Questo sole, innalzandosi sempre più nel cielo, piano piano declina in Dio che tutto assorbe. Ho cercato di farvi capire come dovete trasformare la vostra esistenza terrena e proiettarla alla Luce dell’Altissimo fino a desiderare il tramonto del vostro essere in quell’unico Sole che è il Padre Onnipotente che vi attende e vi trasporterà in nuove galassie. Non è difficile come sembra da capire. Pensateci un po’ e vedrete come l’evoluzione del vostro essere si va modificando e si modificherà sempre più se voi sarete docili a questi insegnamenti. Il giorno della terra inizia e termina dal sorgere della luce sino al suo morire. Così voi: le vostre vite devono compiere questo tragitto. Sulla terra dovete incamerare tutta la luce che vi è possibile incamerare. Solo così la vostra vita non sarà stata inutile e vana.
Ora, per tornare all’Avvento, vi chiedo, in questo periodo, di assorbire quanto più è possibile la luce spirituale che filtra nella preghiera fatta con il cuore e vissuta poi nel quotidiano. A Natale Gesù prenderà possesso nella vostra anima e della vostra anima. Ve lo prometto Io questa sera con tutto il mio amore di Madre.








GESU’

Siete le mie piccole e balbettate, ma il vostro balbettare mi è gradito. Io voglio il vostro amore perché vi amo, perché tutta la mia giornata sulla terra è stata come un Mezzogiorno. La Luce ha sfolgorato nelle tenebre e le tenebre si sono dissolte. La mia venuta sulla terra è stata come un Mezzogiorno. Ecco perché si parla della pienezza del tempo. Quella pienezza sono Io. Sono il Signore. Io desidero che voi purifichiate il vostro spirito. Dovete allenarvi. Ci sono le lettere degli Apostoli che aiutano, c’è l’Imitazione di Cristo che vi può guidare in questo esercizio della purificazione, e ci sono gli insegnamenti dei miei Santi. Desidero da voi questa purificazione dello spirito. Taccia in voi ogni forma di egoismo: l’io deve diventare piccolo sino a scomparire. Allora e solo allora io potrò regnare e crescere dentro di voi. La vostra santità mi sta a cuore perché non miro solo a voi, io miro a prendere e possedere anche tutte le anime che vi avvicinano. C’è assolutamente bisogno del vostro lievito, del vostro sale, perché una fetta di umanità fermenti grazie al vostro esempio.
Non spaventatevi perché il Male dilaga, anzi, questo pensiero vi rafforzi, vi fornisca quella corazza che vi aiuterà a combattere e a vincere le situazioni disastrose e scandalose che si presenteranno ai vostri occhi. Il mondo e l’umanità sprofondano in un buio caliginoso. E’ urgente che voi vi facciate lampada affinché i volenterosi possano distinguere tra il Bene e il Male, la menzogna e la verità, la discordia e la pace.
Sono con voi, figlie dilette, e vi prometto la forza per riuscire nelle imprese nelle quali Io volutamente vi metterò. A volte dovrete parlare, a volte tacere, a volte soffrire, a volte lottare, a volte fermarvi, ma sempre sapendo di avermi al vostro fianco. I dubbi non alberghino in voi, il tempo e la vita vi saranno maestri e la certezza prenderà il posto del buio.
Ora vi lascio, mie dilette ed amate creature. Ricordate: Dio è innamorato dell’uomo e come un innamorato io vi parlo e parlo a voi che mi ascoltate perché la mia Parola raggiunga i sordi.
La potenza della benedizione trinitaria scenda su di voi, rafforzi le vostre convinzioni e vi unisca alla mia croce. Amen.

Torna ai contenuti | Torna al menu