lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

9-2-93 dallo spirito R.

LA SAPIENZA

dallo spirito R.

Quando Dio permette a un’anima di comunicare con voi, bisogna spalancare le porte della vostra disponibilità, anche quando le anime che a voi chiedono aiuto dovessero sembrare indegne di pietà. Questo imprimetelo nei vostri cuori, perché lo stesso discorso vale per tutti quelli che incontrate e potrebbero beneficiare della vostra carità e della saggezza che Dio vi dona instancabilmente. Pregate, dunque, per tutti quanti vedete nel bisogno, correggete, guidate amorevolmente; so che è difficile correggere amorevolmente, può sembrare una contraddizione in termini, eppure è possibile, sorridendo si può dire di tutto, si può invitare l’altro a capire e a rivedere le proprie posizioni, senza però salire in cattedra come spesso vi vedo fare. E’ vero che bisogna attraversare il villaggio con la regale dignità dei Figli di Dio, ma ricordate sempre che ad ogni suo figlio Dio affida sempre una missione, che è una missione d’amore.
Sarete davvero figli di Dio se porterete a compimento l’incarico che Dio va affidando a voi tutti. Siate responsabili di questo, ricordando sempre che del vostro operato dovrete rispondere a Colui che , avendo fiducia in voi, vi ha scelte. Quanto più l’incarico è arduo ed impegnativo, tanto più umile sarà il vostro atteggiamento. Quel che Dio in visione rivelò a san Pietro vale per tutti voi: non considerate nessuno impuro o indegno della vostra attenzione, siate severi, amorevoli, distaccati, ma sempre attenti e pronti a scattare quando Dio vi invita al lavoro. Il primo impegno deve essere, però, essere quello di supplicare Dio per i peccatori ed, in questo caso, dovrete raddoppiare i vostri sforzi. I peccatori sono come gli alberi: hanno le radici conficcate nel terreno della materialità, non riescono a staccarsi di un centimetro da terra.
Sappiate, per meglio comprendere, che lo spirito dell’uomo è fatto per volare, non per vivere prigioniero in un corpo, in una mente, in un cuore che non riesce a slegarlo dalle catene del peccato. Fate tesoro, dunque, degli insegnamenti che ricevete affinchè questo seme non sia soffocato dalle spine e dall’aridità di un terreno incapace di farlo germogliare. Pregate, pregate, pregate. Pregate per i vostri bisogni, pregate per le necessità del mondo, pregate per le anime purganti. E questo è già un bel compito che, se svolto bene, vi porterà fino al cuore del Padre che vi ama e si compiace di voi quando con fedeltà obbedite alla sua volontà.
Il cielo stasera non ha stelle: siano i vostri cuori le stelline che brilleranno questa notte per la pace e la Luce nel mondo. In ginocchio per la benedizione che stasera sarà particolarmente solenne:
Dio Padre Onnipotente purifichi la vostra anima e la renda pura e semplice
Gesù Figlio trasformi la vostra mente con la sua Sapienza
lo Spirito Santo vi infiammi il cuore di carità ardentissima e di soave pace
la benedizione di Dio Onnipotente e della Madre Santissima scenda su di voi e vi mandi in pace.










Torna ai contenuti | Torna al menu