lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dagli Arcangeli

LA CONOSCENZA

29-09-08

Oggi, festa degli Arcangeli, siamo riunite in preghiera per onorarli e ringraziarli. Sono presenti i sette Arcangeli, Chamuel, Michele, Raffaele, Uriel, Gabriele, Zadkiel e Jophiel  con le relative Arcangeline. Alcune piccole piume si materializzano nell’aria e scendono su di noi.

ARCANGELO RAFFAELE

Voi tutte siete dei focolai di Luce, degli strumenti, dei canali, attraverso i quali Dio riesce a raggiungere coloro che sono lontani spiritualmente non solo dalla vostra elevatezza ma anche dal desiderio di elevarsi, perché molto spesso lo spirito e il corpo non sono in sintonia: mentre lo spirito spinge per raccogliere una messe attraverso la sua personalità prima di tornare indietro, la personalità si lascia travolgere dalla materialità e dalle lusinghe del mondo. Lo spirito rimane indietro mentre l’individuo si dà da fare per realizzare la sua carriera, la sua esistenza, per comprare case, ville, barche, fare viaggi. Cioè si attacca a quanto di materiale viene offerto e sbandierato dal vostro mondo. Ma non è in questa maniera che lo spirito progredisce e, quindi, voi siete contornate da molte persone che vi sembrano dedite soltanto alla materialità, ma gli spiriti di queste persone sono affamati, affamati di Luce, che non riescono ad ottenere dalle loro personalità. Quindi, la vostra presenza offre loro quella Luce che non riescono ad ottenere da soli e, se pure blandamente, da questa sono rivestiti e, quindi, lo spirito diventa più potente e riesce ad inviare alla propria mente fisica degli impulsi che sono più veementi, che dovrebbero riuscire, alla fine, a spostare la focalizzazione degli interessi dell’individuo dal materiale allo spirituale. Perciò il vostro compito, anche se da voi portato a termine inconsciamente, è questo, per cui è necessario che vi manteniate terse, pulite, trasparenti, perché questa Luce possa trafulgere attraverso di voi come da un vaso di cristallo: se il vetro è sporco, appannato, la Luce filtra più debolmente. Ecco perché vi si chiede di mantenervi sempre pure e in grazia di Dio, di ricolmare la vostra mente di pensieri puri e di sorvegliare le vostre azioni perché possiate essere veramente un vaso di santità, perché tutte voi, mie care, siete incamminate sul sentiero della santità che, come vedete, è irto di chiodi, di spine e spesso fa sanguinare i vostri piedi. La santità non è solo quella del martire che viene arrostito sulla graticola, che viene trafitto o che muore in terra straniera, del missionario che viene ucciso per la sua fede, la santità la si ottiene anche con le piccole azioni quotidiane: l’umile, oscuro cristiano che porta a termine la volontà di Dio nella sua vita umile, oscura, è santo. E’ santo perché compie la volontà del Padre in se stesso e, migliorando se stesso, contribuisce a migliorare l’intera umanità.
Questo è quello che voi fate: migliorate voi stesse e, contemporaneamente, migliorate tutta l’umanità. Tutti gli Arcangeli e le Arcangeline sono presenti e vi ringraziano per i pensieri d’amore che avete loro rivolto, perché le vostre anime spesso vengono di qua e Gabriele il Consigliere viene tartassato di domande. Siete, voi quattro e anche le altre, da Noi conosciute molto bene, perché spesso le vostre anime vengono nell’ottava superiore a chiedere consiglio, incoraggiamento, spesso voi pregate per persone che nella vita fisica neanche conoscete, pregate e offrite e, attraverso la vostra sofferenza, riuscite a migliorare la vita di altre persone che magari conoscete nel Regno Spirituale ma non in quello fisico, sono vostri amici spirituali che si sono incarnati sulla terra. Quando voi siete fuori dal corpo chiedete sempre notizie dei vostri amici, di come vanno loro le cose, soffrite con loro e gioite con loro e, se vedete che un vostro amico è in difficoltà, allora voi vi offrite per aiutarlo a portare questo peso. Fate molte cose belle che vi renderebbero felici se ne foste consapevoli, però fidatevi della mia parola: aiutate molti. Sì, siete generose e aiutate molte persone.
E te, Lalith, a questo proposito ringrazio per quello che stai facendo per Jelena. Jelena che tu hai conosciuto per un breve momento, ma questo momento è bastato per risvegliare nel tuo cuore una pallida ombra di quei sentimenti di amore che per lei nutri. Continua a pregare per lei, continua ad offrire la giornata perché se ne sta avvantaggiando, i vostri spiriti spesso si incontrano e si scambiano consigli ed informazioni e Jelena ti è grata perché la sua vita sta migliorando grazie alle tue continue preghiere. Jelena sta offrendo, come sai, per tutta l’umanità, vive una vita piena di vicissitudini, di privazioni, che voi non riuscite neanche a immaginare.
Voi siete nate e cresciute in questa città, in questa nazione che è al riparo da molte brutture, da molti insulti al libero arbitrio dell’uomo, siete al riparo dalla più squallida povertà e dagli abusi che sui poveri si fanno. Sciaguratamente non in tutto il mondo si vive una vita così protetta come la vostra, quindi pregate, continuate ad offrire la giornata per l’umanità sofferente in genere e soffermatevi su coloro che vivono nei Paesi dove non esiste la libertà, dove l’individuo è condannato ad una vita di privazioni, di vicissitudini, di povertà, dove la parola ‘libertà’, che per altri popoli è qualcosa che si è realizzato, per queste persone rimane un sogno. Pregate per tutti coloro che vivono senza la libertà, pregate per tutti i musulmani che vengono circuiti e confusi dalle parole dei loro mullah che, invece di insegnare loro la legge dell’amore, inculcano nelle loro menti la legge dell’odio.  Per questa povera gente confusa che viene mandata a morire, per i terroristi che vengono mandati al massacro e che portano con sé tante anime in olocausto e per tutti quelli che influiscono sulla mente della povera gente e sono direttamente governati dal demonio. Lo Spirito del Male è quello che semina zizzania, quello che impedisce a Israeliani e Palestinesi di andare d’accordo, agli iracheni, agli afghani, tra cui i talebani, che sono una manifestazione delle forze del Male e che vogliono privare l’uomo della sua libertà, della sua capacità decisionale. Dovunque il Maligno è all’opera nel mondo, accende molti focolai, provoca molte sciagure, molte morti inutili. Pregate per questo: perché lo Spirito del male venga riconosciuto e vinto da tutte le religioni, ogni volta che vi riunite pregate l’Arcangelo Michele con questa intenzione, perché tutti riconoscano, in tutte le nazioni e in tutte le religioni, gli Emissari del Male, che spesso si nascondono sotto l’apparenza di uomini di Chiesa e spesso usano il Vangelo o il Corano o i Libri Sacri per propagandare la menzogna e non la legge di Dio. Voi siete delle Fiamme e, anche se attaccate, non riuscirà mai a travisare la vostra mente e a indebolire la vostra fede, ma molte persone sono molto più deboli di voi e si lasciano circuire e traviare. Pregate perché l’Illuminazione, la Luce, scenda su queste menti e per tutti quelli che vengono reclutati per fare i Kamikaze, perché si sottraggano a questa orribile sorte.
Care figlie, io vi chiedo ogni giorno di ricordarvi di coloro che sono privi della libertà e di coloro che sono ottenebrati. Chiedete la Luce per queste persone, chiedete la Luce per i Kamikaze, chiedete la Luce per gli Israeliani, i Palestinesi, gli Afghani, gli Iracheni e tutti coloro che si trovano sotto il dominio di altre persone, per non parlare di tutte le nazioni africane dove comandano quelli che hanno le armi o che riescono a commerciarle con l’Occidente, che parla di pace, ma commercia le armi per la guerra. Nel mondo divampano le fiamme, in tutto il mondo ci sono focolai accesi, quelli che il Maligno quotidianamente accende qua e là. Noi potenziamo la vostra Luce, il vostro calore, la vostra Illuminazione e voi passatela questa Luce agli altri, in modo che le Forze del Bene diventino sempre più forti, più consapevoli e più luminose, perché ci aiutiate nella battaglia che Noi quotidianamente combattiamo contro le Forze del Male.
Figlie carissime, combattete il Male dentro di voi, in tutti i più piccoli angoli del vostro corpo fisico, astrale, mentale, causale. Sempre voi avvertite quando fate un pensiero o un’azione che non è in linea con la vostra coscienza e, anche se si tratta di cose da poco, comunque vi dà fastidio. Però qualche volta, per brevità, perché andate di fretta, per motivi diversi, voi dite sì. Io vi dico: combattetelo. Anche nella semplice golosità, anche nel vestito in più che si vuole comperare, anche nella risposta sgarbata che si dà all’amico, alla compagna, all’amante, al marito e a quanti altri. Cercate di riflettere sempre, nella Grazia, nella purezza, nella gentilezza e nell’amore, specialmente quando avete a che fare con quelle persone che sono più indietro di voi nel cammino evolutivo e che sono così terribilmente irritanti per voi che vi viene voglia di dargli un calcio e mandarli via. Proprio queste persone sono quelle che hanno più bisogno di voi, quindi ricordatevi, in quei momenti, di farvi forza e di essere costruttive e, se ci riuscite, gentili con queste persone, perché le vibrazioni benefiche annullino quelle della Malvagità. Anche così si porta a termine l’opera di Dio.

ARCANGELO MICHELE


La vostra Luce è uno scudo contro il quale le Tenebre si infrangono. La vostra condotta, i vostri pensieri, le vostre azioni, fortificano questo scudo, è una corazza che vi protegge, perché voi non amate il Male, anzi, siete disgustate dalle manifestazioni del Maligno e questo lo indebolisce. Soprattutto una cosa vi chiedo: non temetelo ma disprezzatelo, temerlo vuol dire riconoscergli un potere, disprezzarlo vuol dire non lasciargliene affatto. Il Maligno è vigliacco e si nutre della paura, toglietegli il tappeto da sotto i piedi. Molte manifestazioni negative si allontanano proprio così, disprezzandolo. E’ anche vero che voi siete molto protette e difficilmente le schiere del Male si possono accostare, perciò lo dico più come insegnamento e perché vi potrebbe capitare di dover mettere in pratica questi insegnamenti e di dare consigli a quelli che ve li chiedono. Vi lascio la Luce, la Pace, la Gioia, la Forza e, soprattutto, la consapevolezza della mia costante presenza e protezione su voi e su tutti coloro a cui volete bene. Chiamatemi ogni giorno e Io proteggerò voi e tutti quanti i vostri cari, recitate la preghiera che vi ho insegnato per voi e per tutti quelli che volete che io protegga e lo farò.

ARCANGELO GABRIELE


Stasera vi lasciamo la nostra impronta nel cuore e nell’anima. L’uso dei corpi superiori va imparato, come si impara a guidare una macchina così pian piano si impara a guidare anche i propri veicoli nel mondo superiore. Bisogna raggiungere una profonda concentrazione come i bramini indù che giungono alla levitazione mentre stanno levitando. Questo è un grado di concentrazione che dovete raggiungere. Siete sulla strada, non temete: ci riuscirete. I vostri spiriti sono fortemente intenzionati a proseguire e, quindi, vi daranno gli impulsi necessari.

LE ARCANGELINE


Noi lavoriamo sulla dolcezza, sull’amore, rappresentiamo il lato femminile degli Arcangeli, addolciamo tutte le asperità del vostro carattere, facciamo sì che voi diventiate delle portatrici di Luce, di gioia, di amore, vi conferiamo l’energia spirituale per portare avanti il progetto che Dio ha su di voi.
IO SONO SPERANZA, vi lascio la speranza di un domani luminoso, la speranza di portare a termine il vostro progetto divino e di essere di vantaggio a tutti coloro che incroceranno la vostra strada.
IO SONO AURORA, vi lascio la Luce che illumina i vostri passi, la Luce che rischiara la vostra mente e la Pace nei vostri cuori.
IO SONO FEDE, fortifico la vostra corazza, la vostra resistenza alle incursioni dello Spirito del Male.
IO SONO AMETISTA, vivifico i vostri impulsi di giustizia e di misericordia.
IO SONO CARITA’, lascio la luce dell’amore nei vostri cuori.
IO SONO CRISTINA, colei che è preposta al vostro cammino spirituale, all’illuminazione della vostra anima, disperdo le tenebre davanti a voi, pongo dinanzi al vostro spirito la Luce di Dio perché voi la seguiate senza perdere il cammino. Vi lasciamo i nostri doni, vi avvolgiamo nell’abbraccio e portiamo con Noi le vostre preghiere al nostro comune Dio.







Torna ai contenuti | Torna al menu