lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli Angeli Neri

LA CONOSCENZA

26- 3-07

GLI ANGELI NERI
dall’ Angelo Imhrael


E’ meglio evitare di pronunciare anche mentalmente il nome dei demoni, perché anche nel nome è un potere, malvagio. Solo pochi degli Angeli caduti cercano di riscattarsi e, per la fine della loro vicenda terrena, bisognerà aspettare il giorno del Giudizio, che varrà per loro come per gli uomini. La maggior parte degli Angeli caduti formò l’Inferno, come comunemente lo si intende. Essi sono al servizio del Male Assoluto ed agiscono per suo conto tormentando gli uomini e cercando di irretirli. A volte si incarnano con il medesimo scopo.
In questo momento ve ne sono 12 che camminano sulla terra. Di questi, 9 sono servi del Maligno e 3 quelli che vivono per operare il loro riscatto opponendosi al Male e svelandone le trame. Questi ultimi vivono in povertà e, nel corso delle epoche, spesso sono stati sottoposti a torture e uccisione per il loro impegno nel diffondere la Luce. Essi non sono consapevoli del loro essere, ma i loro spiriti sì e, quindi, vi è in loro una grande determinazione nel compiere il Bene e combattere il Male. Gli altri sono, invece, consapevoli del loro ruolo e del loro essere e li odiano vieppiù perché hanno ripreso il loro cammino verso il Bene.
Gli Angeli Neri si incarnano attraverso gli accoliti del Male che a questo evento si preparano copulando nel corso di celebrazioni orgiastiche al Male. La scintilla del Bene è estinta in loro e non vi è più possibilità di ravvedimento, sono creature del Nemico al servizio del quale hanno posto il loro enorme potere, che non è andato perduto con la caduta, in quanto è parte del loro essere. Gli Angeli caduti che vogliono tornare al Bene espiano, sin dagli albori della civiltà dell’uomo, il loro peccato, in continue reincarnazioni attraverso le quali smaltiscono l’oscurità di cui si sono macchiati. Ma non sempre essi vagano sulla Terra, possono anche servire Dio in altri mondi e in altri modi, fermo restando che è sulla terra che devono continuare, alla fine, a stabilirsi, perché sono al servizio dell’uomo e della sua salvezza.








Torna ai contenuti | Torna al menu