lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Giudizio di Dio

LA CONOSCENZA

31-3-11

IL GIUDIZIO DI DIO
Da Dio Padre


Oggi hai provato e ‘compreso’ come la Trinità sia formata, come il Padre-Madre si manifesti nel Figlio, che è partecipe del loro Potere e come emanino lo Spirito che li rappresenta, come accolgano Maria nel loro cuore, una manifestazione del loro Amore. Come le gerarchie angeliche siano formate, siano una cristallizzazione del loro Sé, del Potere e dell’Amore trasfuso in altre forme ma tutte facenti capo all’energia centrale, a guardia delle manifestazioni di Sé più piccole e vulnerabili. Ma un tutto unico. Tutto una manifestazione dell’Amore divampante, intenso, emanante mille bagliori di rosa carico e argento, brillante, coinvolgente, entusiasmante, appagante e totalizzante che Essi sono, tutto Uno. La Grazia avvolge ogni cosa.
Le scintille che si levano dall’intenso Amore reciproco del Padre-Madre sono gli esseri creati nella loro forma inferiore, quella concretizzata nel mondo denso, scintille piccolissime rispetto all’intero Creato, spesso appannate dalla fuliggine, il fumo oleoso del Male che gravita intorno alla Terra e che si deposita quotidianamente sugli umani, che bisogna scrostare ogni giorno con la volontà se si vuole   mantenere in sé il fulgore originario. Questo tu sei: una scintilla del Mio Amore. E Io amo te in quanto Me e tu ami Me perché mi riconosci come il Corpo Santo dal quale sei distaccata ma tutt’uno con Esso nella sostanza. Tu sei Dio e Dio è uomo, è albero, è foglia, è cielo e terra, è animale, è roccia, è vento, è sole, è aria e acqua, insetti e uccelli del Cielo. Dio è.
Ed è in ogni più infinitesimale particella del Creato, perché ogni cosa l’ha creata dal profondo di Sé, dal suo Essere. E li Male vuole sporcare e sottrarmi questa parte di Me, questi figli, che vengono ingannati, a cui viene tolta la percezione di ciò che sono veramente.
Offendendo i miei figli offende e si fa beffe di Me, di ciò che Io sono, vilipendendo la vostra anima immortale vuole vilipendere Me e ciò che Io sono, sottrarmi i miei figli, sottrarmi una parte di Me. Quale padre vorrebbe per le sue creature una simile sorte? Che finissero nel fuoco, nel freddo, nelle sevizie, nell’eterno dolore? Eppure è là che Esso vi trascina, creando l’illusione di camminare su petali di rosa, di cui lastrica la via dell’inferno.
Attenti figli! Vostro Padre vi cerca e farà di tutto per sottrarvi al Male, anche colpendovi ripetutamente per purificarvi dall’Oscurità incamerata.
Si avvicina il tempo della purificazione.
E sarà terribile e intensa quanto è intenso il Mio Amore per voi. Nessuno escluso. Tutti soffriranno per ripulire il mondo. Mi farò aiutare da Vento e Fuoco, Acqua e Gelo, vulcani sotterranei erutteranno e la Terra sarà sconvolta. Solo l’amore può fermare la mia mano e mitigare il castigo. Offritevi figli, voi che capite, per amore degli altri. La lotta tra il Bene e il Male è oggi arrivata a un punto cruciale, non c’è più molto tempo. E perciò spremerò i miei figli più avanzati come limoni, il cui succo mi serve per bagnare gli altri e spegnere le fiamme dell’Odio, della Divisione Razziale, dell’Egocentrismo, la Fiamma Oscura che ogni giorno il Male attizza nel cuore degli uomini. Guai a quelli che l’accoglieranno e non cercheranno con fatica personale di spegnerle e di vincere se stessi. L’Italia è sull’orlo della rovina. Spiriti maligni volteggiano sulle sedi del Potere e fanno scempio dell’Onore, della Giustizia, della Verità. Spiriti maligni inviati e accolti con ogni onore. Ogni devastazione cadrà su questo Paese se l’Onore e la Giustizia non trionferanno, se chi conosce e sa continuerà a tacere. Il povero invoca un tozzo di pane, l’affamato, l’afflitto, il perseguitato, il clandestino. A tutti si dia conforto e asilo, altrimenti l’acqua si chiuderà su di voi, Italiani, sul vostro capo e la vostra Penisola sarà spezzata in due e spazzata via dall’impeto di maremoti e terremoti. Non conoscete le bocche di fuoco che la circondano nelle profondità marine e che erutteranno morte e distruzione.
Praticate l’amore e Dio ritirerà il Giudizio, praticate l’Odio ed esso vi seppellirà.
E così per tutto il mondo.
Il Giorno del Giudizio si avvicina, siate pronti.
Di voi, miei figli, che mi seguite con amore, scorticandovi i piedi sui sassi e strappando le vostre vesti sui rovi, non farò scempio. A voi Io dico: ovunque andiate la Luce vi seguirà e farà da scudo a chi voi proteggerete. Non lasciate le vostre case, non ve n’è bisogno. La rovina non vi toccherà. Se pure ogni cosa sprofondasse, la vostra casa resterà in piedi e voi con loro. Ho bisogno della vostra opera per la ricostruzione. Molti olocausti prenderò. Abbiate amore e cura dei piccoli che vi affido: degli animali e delle piante, come fece Noè. Ogni vostra abitazione è per Me l’Arca dell’Alleanza. Stavolta ne avrò molte, sparse in tutto il mondo, per dare asilo a quelli che saranno colpiti ma scamperanno al Giudizio. Attrezzatevi e preparatevi, anche per quelli che verranno a bussare alla vostra porta. In essi Io Sono.
A te affido questo messaggio perché tu ne faccia partecipi quelli che conosci e che stimi, tutte piccole isole nel mare della Nequizia e della Malvagità. Provvedi per gli animali.
Sta in pace.



Torna ai contenuti | Torna al menu