lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Maleficio

LA CONOSCENZA



2 settembre 2012

IL MALEFICIO
         LE QUATTRO STAGIONI DEL MALE
Da Gesù




I STAGIONE
C’è la STAGIONE DEL VENTO E DELLA TEMPESTA.

Il fortunale tutto divelle, scaglia per aria, tutto rotea e non è più al suo posto. Si entra in una centrifuga che ti fa ruotare a proprio piacimento, dove non ci sono agganci a cui appigliarsi, si è in balia di una Forza cui non ci si può opporre. Verità, Giustizia, Onore, Lealtà, paiono tutte parole vane, il Male imperversa, cambia i contorni delle cose, la quotidiana realtà diventa irriconoscibile, il vento mulina polvere, l’orizzonte è nascosto, il quotidiano polverizzato. L’uomo è in balia delle Forze Oscure.
Quando Dio decide di intervenire possono succedere due cose: un subitaneo calmarsi della tempesta oppure un lento calmarsi della medesima.
Nel primo caso un evento improvviso ridona la giusta proporzione e tutti si guardano intorno come chi esca da un sogno. Nel secondo caso la polvere comincia a depositarsi e non turbina più nell’aria, la pioggia diminuisce di intensità fino a cessare, il mondo rallenta e smette di roteare e pian piano si rientra nell’ordine quotidiano.
Si passa così alla seconda fase.

II STAGIONE
QUESTA È LA STAGIONE DEL RECUPERO.
L’inverno, la tempesta, il fortunale, la tromba d’aria, che hanno devastato il paesaggio, le case e la vita degli uomini accennano a placarsi fino a sedarsi del tutto. Si contemplano i danni.
Comincia la fase della ricostruzione, del recupero della calma e della pace interiore, si medicano le ferite, il sole fa di nuovo capolino e nutre una terra bagnata e sconvolta, asciuga le pozze d’acqua, scalda gli animi, riporta la possibilità della serenità. Si è ancora scossi, ma si sa che il peggio è passato.

III STAGIONE
LA STAGIONE DELLA GIOIA
Si constata che i danni sono stati riparati, si vive una nuova realtà, il quotidiano risorge, si scopre quanto assimilato e imparato, si scoprono nuovi germogli fare capolino dalla propria interiorità che è venuta a diretto contatto con le Forze del Male ma, avendo affidato se stessa al Bene, scorge con meraviglia un disegno, una trama di evoluzione che prima era sfuggita.
E’ la STAGIONE DEL RINGRAZIAMENTO, del VIVERE PROFICUAMENTE PER L’ANIMA, del VOLGERE GLI OCCHI AL PADRE scoprendone l’Amore e l’Intelligenza. La Via è mostrata e la si contempla con meraviglia. E’ LA STAGIONE DEL RACCOLTO, quella in cui appare la messe che si è ottenuta con il sacrificio offerto.


IV STAGIONE
LA STAGIONE DELL’EQUILIBRIO
La IV stagione è quella in cui gli esiti del Male ritornano su coloro che li hanno inviati.
A volte questo non è percepibile perché si accumula nel karma da pagare e non se ne vedranno gli esiti se non dopo il trapasso. E’ la Stagione dell’Equilibrio: il Bene torna al Bene e il Male torna a chi l’ha desiderato, invocato e chiamato.

Bene. Questa è l’evoluzione normale che si verifica quando il Male scende in Terra chiamato dall’uomo che gli apre la porta.
La I Stagione è terribile, ci si sente in balìa degli Elementi che ti sbattono di qua e di là. A volte la Prima Stagione può essere definitiva. Cioè la creatura colpita può subire la rovina totale, la perdita di ogni bene e anche la perdita della vita.
MA NON PERCHE’ LE FORZE DEL MALE SIANO SUPERIORI ALLE FORZE DEL BENE.
Ma perché quella creatura
a) Sta espiando il proprio karma e così ritorna linda, nuova, luccicante come era prima di macchiarsi.
b) La creatura è innocente ed espia il karma dell’umanità per propria libera offerta.
Crea così un ‘ombrello di Luce’ con il quale protegge altri dallo scatenarsi del Karma del Pianeta che si verifica spesso sotto forma di catastrofi naturali o semplicemente attraverso l’opera multiforme delle Forze del Male.
Le Forze del Male, ripeto, non hanno alcun potere sull’uomo se non fosse che è l’uomo stesso che lo dà loro acconsentendo ai surrettizi inviti a comportarsi male (V. il messaggio degli Arcangeli ‘Se solo…’) o chiamandole attraverso riti di Magia Nera, Messe Nere o addirittura soltanto con pensieri di odio profondo, vendetta, sangue. Il sangue chiama sangue.
Spesso si adopera durante questi riti una creatura della Terra: un animale, a volte addirittura una persona, che viene immolata, offerta in sacrificio al Male in una velenosa riproduzione del Mio Sacrificio sulla Croce al contrario. Io mi immolai per il Bene e dissolsi le Tenebre, loro, con la Croce capovolta, le chiamano indietro. Il sangue chiama sangue.
Ed ecco la morte del maleficiato, dei suoi congiunti, la rovina economica, il suicidio, ecco la guerra, l’eccidio, la crudeltà. Il Male è entrato con alti cachinni e ha preso possesso delle menti, dei corpi, delle anime. E’ terribile per Me assistere a tutto questo, ma Dio vi ha creati liberi e sul libero arbitrio nessuno ha potere.
Voi siete gli unici artefici della vostra vita e della vostra rovina. Non posso impedire che una creatura venga uccisa, assassinata, se non in casi rari in cui la Trinità interviene valutando il corso ulteriore degli eventi, per evitare una rovina maggiore a livello planetario in seguito a quella azione.
Ma, di solito, lasciamo che venga espiato il karma in quel modo o accettiamo l’offerta dello spirito che si offre in olocausto. L’anima che ha subito e sopportato viene poi ricoperta di Amore, di Luce, di Gioia ed avanza più rapidamente nel suo cammino verso l’unità originaria con Dio. Inoltre la sofferenza di chi ha perso un congiunto e che, a sua volta, si era liberamente offerto di patire, anzi com-patire, serve ad aumentare la Luce nel mondo e la propria Luce personale.
Tutto ciò che accade nel mondo ha un perché e una conseguenza.
Se il Male imperversa è perché voi lo chiamate e gli aprite la porta con i vostri pensieri e le vostre azioni. Dio non può che crearvi liberi: l’Amore è Libertà.
E liberamente scegliete, con ogni vostro atto o pensiero, da che parte stare e se contribuire a illuminare il mondo o a renderlo più oscuro. Scegliete la Luce dunque, per quanto vi costi, allontanatevi dal Male, rifuggite dai riti magici, dal consegnare la vostra anima a Satana.
E se l’avete fatto, tornate indietro.
Dio vi riaccoglierà tra le sue braccia, basta che voi lo vogliate.

Certo, il Male vi farà pagare il prezzo del ‘tradimento’, conoscerete brucianti sconfitte, umiliazioni, magari perdita del lavoro, povertà. Ma Dio vi sorreggerà e un ordine nuovo verrà creato per voi, un nuovo lavoro, il raggiungimento della serenità e della pace interiore al posto dei tormenti infiniti e ‘fisici’ che il Male vi avrebbe fatto assaggiare dopo la morte del corpo fisico. Non fatevi ingannare.
DIO E’ VOSTRO PADRE. TORNATE A CASA.

















Torna ai contenuti | Torna al menu