lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il terremoto in Abruzzo

LA CONOSCENZA

7-04-09


IL TERREMOTO IN ABRUZZO
dalla Trinità


La Trinità mi ha mostrato cosa sta succedendo in Abruzzo a un livello superiore. Ci sono tanti Angeli all’opera, tutto è circondato da Luce intensa manifestata dagli Angeli, che avvolgono e proteggono tutti perché gli Osservatori e i Guastatori si tengano lontano. Ci sono gli Angeli personali dei presenti, ma anche Angeli ‘specializzati’ in catastrofi, quelli del IV Raggio, che fanno capo all’Arcangelo Gabriele e alla sua controparte femminile, l’Arcangelina Speranza.
Alcuni guidano i soccorritori dove sono sepolti quelli che devono essere salvati, che vengono confortati e sostenuti, altri dirigono le azioni di tutti verso un fine positivo. Quelli che sono trapassati sono ancora lì, vicino ai parenti. Dio ha donato loro l’immediata comprensione di come sia stata utilizzata la loro offerta della vita e, quindi, sono pieni di Luce e di Amore e gli Angeli personali insegnano loro come agire sui propri cari attraverso le bande dell’aura che circonda i viventi, per schiarirla e infondere il Rosa e il Verde e l’Argento e l’Oro.
I bambini molto piccoli sono stati portati via, ma quelli in grado di riconoscere i propri genitori sono lì con gli Angeli, vicino a mamma e papà. Durante la notte le anime dei genitori si sono ‘svegliate’ sull’altro piano e hanno parlato con i loro figli, rassicurandosi gli uni con gli altri, soprattutto perché i bambini avevano bisogno di parlare con i genitori e, nell’altra dimensione, tutti si sono rasserenati e rimarranno in contatto finchè i bambini non diventeranno più autonomi, più maturi e cominceranno ad allargare i propri orizzonti e a comprendere in sé l’Universo. Per quanto gli adulti non ricordino e, di giorno, continuino ad essere sovrastati dal dolore, le anime, mentre il corpo dorme, raggiungono e rassicurano coloro che non sono più sulla terra, questo, però, se le personalità sono abbastanza evolute e capaci di manifestarsi in stato di veglia nell’altra dimensione.
“Bisogna raggiungere un grado di ‘maturazione’ anche nel mondo fisico per poter essere operativi sul piano superiore, e questo nulla ha a che vedere con la cultura, bensì con l’evoluzione morale, al di là che si creda o no in Dio. Più in questa dimensione l’individuo accoglie in sé la Luce, più è capace di manifestarsi come entità autonoma e capace nell’altra dimensione.
Anime più evolute sono, quindi, utilizzate per recare conforto in molti luoghi e in molte occasioni. Una gran Luce sovrasta l’Abruzzo che ha dato il suo pesante e doloroso contributo alla risoluzione del karma universale, oltre che proprio. Molte fiammelle si sono levate in cielo e molti spiriti ora cercano la loro strada. Nessuno è lasciato solo, ma aiutato e supportato da squadre di ‘specialisti’ che soccorrono coloro che sono trapassati improvvisamente e inaspettatamente. C’è molto fervore e molto lavoro lì ora, in entrambe le dimensioni. Prega e offri anche la via Crucis e la Messa di Pasqua perché queste persone che hanno perso tanto, se non tutto,ma, soprattutto, gli affetti, non si chiudano in un guscio di dolore, chiedi al Signore che intervenga con la sua Grazia a spezzarlo e che il giorno di Pasqua la Luce, l’Amore, l’accettazione del sacrificio tutti coinvolgano, in modo che gli Angeli possano intervenire e proteggere tutti dalle emanazioni del Male, che vengono tenute lontano, ma che possono intervenire se volontariamente le si accoglie.”


Torna ai contenuti | Torna al menu