lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Massoneria

LA CONOSCENZA

 13 – 05 - 09

L’ALBERO DELLA CONOSCENZA DEL BENE E DEL MALE
LA MASSONERIA
dal Maestro Malachia


L’Albero della Conoscenza può dare frutti avvelenati, non a tutti è dato di gustarne. Chi coglie il pomo della Conoscenza deve farlo con mente retta e cuore puro, deve desiderare la Conoscenza per la propria ed altrui elevazione, non per servirsene per scopi meschini o, peggio ancora, in nome di una presunta superiorità nei confronti degli altri. Il serpente scivolava lungo i rami dell’Albero della Conoscenza: quindi, l’accesso ad esso può essere dato anche dal Male che offrirà, però, i frutti che esso prima ha avvelenato, perché l’incauto che li gusterà sia avvelenato a sua volta e diventi un servo dell’Oscurità. Chi si avvicina all’Albero per scopi che non siano puri, chi si serve del proprio privilegio per scopi che non sono in consonanza con la volontà di Dio, marcirà, cadendo anch’esso come un frutto guasto. Ecco perché la grande intelligenza, l’intelligenza superiore, può rivelarsi un’arma a doppio taglio. Se chi la possiede la volge al Male o al proprio personale tornaconto, se si ammala di arrivismo, di protagonismo, di presenzialismo, la sua stessa intelligenza gli si rivolterà contro e il karma lo costringerà ad affrontare una vita di sottomissione ai voleri altrui e di limiti. All’Albero del Bene e del Male accede chi ha non solo la capacità, ma anche l’intelligenza per comprendere ciò che viene offerto. Lo spartiacque è la propria elevazione morale che permetterà di utilizzare al meglio il frutto che si coglie.
Ma chi accede all’Albero surrettiziamente invitato e lusingato dall’Oscuro Serpente, coglierà i suoi frutti, sì, ma serviranno solo ad accrescere la sua vanagloria, un malinteso senso di potere, l’ossessione del potere e, più di ogni altra cosa, il potere occulto, quello che discende direttamente dal Male. Il Potere Nero. Tale esso è in entrambe le dimensioni. Il Potere Nero è sempre all’opera, a molti livelli. Nei quadri superiori non vi è più distinzione di fede politica o religiosa, perché tutti sono accomunati dalla volontà di tenere il mondo nel pugno, dalla lussuria del potere, del denaro, dalla inconsapevolezza di essere manovrati da un potere ancora più occulto e profondo, nell’illusione di essere artefici del proprio destino e di quello altrui in un parossismo, una esasperazione del potere e di ciò che significa.
L’Albero della Conoscenza offre una grande varietà di frutti, alcuni aprono porte proibite, dietro le quali ci sono demoni molto forti che assumono molte forme, che possono essere sconfitti solo da coloro che mantengono e curano quotidianamente la propria Luce. Gli altri finiscono inevitabilmente soggiogati, diventano servi dell’ Oscuro Signore che ottenebra loro la mente, confonde i pensieri, li acceca con tutto ciò che fa loro gola, ed è ciò che li rende vulnerabili, perché chi non ha controllo sulla propria natura umana, sui propri istinti peggiori, chi non si sforza quotidianamente di liberarsi della propria natura animale, intesa nel senso peggiore, è destinato a soccombere, è destinato ad essere oscurato, nella mente, nel cuore e nello spirito.
La Massoneria raccoglie solo questo genere di persone.
Un potere occulto che si tramanda nei secoli perché nutrito e curato dal Potere Oscuro da cui direttamente discende. La Massoneria raccoglie, in maniera trasversale, esponenti di ogni fede politica e religiosa, capitani di industria, alti prelati, professionisti affermati in molti campi. Costoro, sostenuti da esponenti dell’Oscurità, hanno scalato vette inimmaginabili, a volte provenendo anche da strati sociali di solito esclusi dall’esercizio del potere. E’ stato fatto credere loro di possedere capacità superiori e che, perciò, sono superiori alle leggi che governano l’umanità, considerata un gregge da pascolare, da irretire, da sfruttare, senza consapevolezza né dignità. I Signori del Mondo, i Signori del Male, tramano e architettano per il puro piacere di avere le sorti dell’umanità, della propria nazione, nelle loro mani. Il Potere, la brama di potere, è ciò che li acceca, più di qualsiasi altra bramosia.
Essi, direttamente manovrati dall’Oscurità, si illudono di essere padroni, non accorgendosi di essere ridotti nella peggiore delle schiavitù: la schiavitù ai propri sensi, ai propri privilegi, alle proprie ossessioni. Anche all’interno della Massoneria c’è chi comanda e chi ubbidisce e chi trama alle spalle degli altri. Mafia, Camorra, ‘Ndrangheta, Sacra Corona Unita, hanno lì i propri esponenti di spicco, spesso sconosciuti agli stessi affiliati, che li credono imprenditori o professionisti come loro. Anche la Chiesa ha le proprie mele verminose là dentro, che illudono se stessi offrendosi scuse e giustificazioni, che vengono loro porte direttamente dalla mente diabolica che è dietro di loro. Gli alti vertici sanno che le etichette, a quel livello, non hanno più valore, scorgono nell’altro l’oscuro riflesso di se stessi. Essi, è vero, spesso girano il mondo, le nazioni, la vita politica, come vogliono, ma non sono al di là della giurisdizione del Bene. Il libero arbitrio è intoccabile, ma Dio si serve anche di loro, incredibile a dirsi, per il Bene Comune.
In ogni nazione, poi, quelli che combattono per la Luce vengono dotati da Dio delle capacità necessarie a individuarli e sconfiggerli, ma la lotta tra il Bene e il Male è eterna e incessante. La Loggia P2 rappresenta un esempio di visibilità di ciò che doveva rimanere nascosto, ma la radice è rimasta intatta e ha prodotto altri frutti.
Alcuni vengono irretiti contando sulla loro megalomania e vengono manovrati dall’interno dalla stessa Massoneria, perché servano gli interessi di coloro che hanno dato loro potere e visibilità, i quali, a loro volta, sono direttamente manovrati dal Male per sconfiggere l’umanità. Se Dio ha permesso che ciò accadesse, è stato per dare una spinta all’Italia e agli Italiani per il raggiungimento di una superiore maturità, umanità, comprensione.
Bisogna raggiungere il fondo per risalire.
Gli Italiani stanno toccando con mano cosa vuol dire un governo di una Destra retriva, sorda al principio di Bene universale a cui dovrebbero informarsi le nazioni più progredite, che hanno il compito di aiutare le altre ad avanzare. Molti applaudono, ma molti, anche nella maggioranza, tacciono e si sentono interiormente disturbati, la loro serenità è intaccata e molti dubbi si affacciano.. E’ necessario che le menti siano sgombre dai pregiudizi, dal nazionalismo, dall’ottusità, dall’avidità: tutti sentimenti che aprono la porta al Male. Molti esponenti della maggioranza non vedono più rispettate le proprie idee, anzi molti le vedono vilipese. Ma il fronte, per ora, non si sfalderà. Ben altro ci vorrà per incrinarlo. Per ora l’Italia andrà avanti così, perdendo ogni giorno un briciolo di ciò che avevano conquistato coloro che hanno lottato per la democrazia, l’integrazione, l’umanizzazione nel senso migliore del termine, della nazione. Ma il Bene ha piantato i suoi semi e, nelle menti e nei cuori di quelli che avevano pensato veramente di servire il Paese attraverso la Destra, germoglieranno. Ma nulla si ottiene senza sangue e sudore. Gli Italiani dovranno impegnarsi se non vogliono scivolare verso una nuova dittatura, più pericolosa perché ammantata di ragionevolezza, di difesa dei propri diritti, più pericolosa perché alimentata dalla crisi, dalla perdita dei posti di lavoro, più pericolosa, infine, perché si riveste dei principi della democrazia.
Ma ad altri, come a te, è stato concesso di gustare dei frutti dell’Albero della Conoscenza, anche se non in senso palese come per te, ma le loro anime sanno, i loro spiriti combattono.
Molti nomi potrei fare, ma li riconoscerai da sola, nella minoranza e nella maggioranza e, spesso, resterai sorpresa. Alcuni sono stati privati del potere dagli Oscuri Signori perché non si sono dimostrati manovrabili. A molti vengono offerte giustificazioni, per cui possono far credere a se stessi di star servendo la propria fede politica e gli scopi del proprio partito “in altri modi”, efficaci anche se riprovevoli. Machiavelli docet.
Combatti, piccola Luce, e continua a combattere. Mantieniti tersa e anche tu, in questa piccola città e lontano da visibilità, fasto e onori, servirai la tua nazione, servendo il Bene. Ti benedico.


Torna ai contenuti | Torna al menu