lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Signora della Luce 08

LA CONOSCENZA

17-11-08

DALLA SIGNORA DELLA LUCE

(La Signora della Luce è uno spirito elevatissimo
che porta nella sua aura la Luce stessa di Dio)



Oggi una Luce speciale è su di voi e Io, Signora della Luce,da questo momento vi accompagnerò, e per tutto il mese della Luce (Dicembre n.d.A.),  fino a condurvi al nuovo anno. La Luce che vi viene data voi quotidianamente la ridistribuite e, attraverso voi, tocca molti ai quali per altri mezzi non sarebbe potuta giungere. Quello del Natale è un periodo carico di doni che Gesù porta ogni anno all’umanità, anche se ben pochi ne sono consapevoli. A molti viene ridonata la salute, a molti viene dato cibo, ad altri un lavoro, là dove c’è la guerriglia operano gli Angeli della Pace e molti vengono sottratti alla crudeltà. Pregate per il Congo e per i suoi abitanti, dove atrocità inenarrabili vengono portate a termine, mandate ogni giorni la vostra Luce a queste persone che ne traggono giovamento. Quando pregate la mattina di te al vostro Angelo: Angelo mio, porta un po’ della mia Luce nei luoghi dove il Male impera, nei luoghi dove la guerra sconvolge gli animi e trucida i corpi, nei luoghi dove la malattia e la miseria fanno le loro vittime, porta un po’ della mia Luce, mio Angelo, a quelle persone che non hanno chi le curi, che non hanno chi si prenda cura dei loro corpi martoriati. Fatelo ogni mattina. Questa è una nuova preghiera che vi viene insegnata, che serve a distribuire le Luce che Dio vi ha dato anche più lontano di coloro che vi sono accanto. Vi abbiamo detto l’altra volta: camminate in mezzo alla gente, camminate e portate la Luce. Oggi vi dico che la Luce dei vostri spiriti può essere inviata a coloro verso i quali non potete camminare, a coloro che sono lontano da voi ma sono vicino al vostro cuore, a coloro che sono lontani geograficamente, a coloro che sono lontani spiritualmente e che, magari, si trovano sotto il vostro stesso tetto o nella vostra stessa regione, nella vostra stessa nazione. Inviate la Luce a coloro che volete ne traggano giovamento. Io vi consiglio di farlo e i vostri Angeli ne saranno felici.
Quando, invece, dite il Rosario, se avete in mano una corona dai grani semipreziosi, come quelli di madreperla, su ogni grano potete inviare la vostra Luce perché la riverberi a coloro per i quali in quel momento state pregando. Visualizzate un raggio di Luce che parte dal grano che tenete in mano e colpisca sulla fronte e sul cuore, dividendosi in due, coloro ai quali l’avete inviato. Non l’argento, che è un metallo inerte, ma madreperla o giada, anche ambra, una pietra semitrasparente, o cristallo di rocca: le pietre semipreziose che vi aiutano a trasmettere la Luce. Se, inoltre, inviate Amore a una persona, il Rosa entra nell’aura della persona a cui l’avete inviato, rafforzandola contro gli impulsi del Male. Anche gli animali e ogni organismo vivente si giova dell’offerta d’Amore. Visualizzate un cuoricino rosa in ogni vaso, alle radici di ogni pianta e, anche se non riuscirete a percepire la contentezza della pianta, essa ricambierà il vostro amore e così creerete una fitta rete di affetti che vi circonderà, rafforzerà la vostra aura e vi renderà invincibili rispetto alle incursioni dello Spirito del Male, che non riesce mai a penetrare il Rosa, se voi non accondiscenderete volontariamente ai suoi suggerimenti.
Il Male, infatti, sempre vi circuisce molto da vicino, vi odia e digrigna i denti e cerca in tutti i modi di ostacolare la vostra vita.
Raccoglietevi per la benedizione finale:
Io, Signora della Luce, vi benedico. Io che porto la Luce di Dio Padre a voi la trasmetto, a ognuna secondo i suoi bisogni. A te, M. la forza, la fiducia, il sorriso. A te, P. la generosità, la bontà, la saldezza d’animo. A te, A. la lungimiranza, l’amore, la tenerezza.  A te, D. la forza e il sorriso. A tutte lascio un po’ della mia Luce, ricordatevi di ridistribuirla attraverso i vostri Angeli. Vi benedico.


Torna ai contenuti | Torna al menu