lavocedidio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mariam Madre dell'umanità

LA CONOSCENZA


'Dagli Angeli alle donne della Terra'

video di un estratto del testo. E' su YOUTUBE, sulle note di
'Heal the wordl' di M. Jackson
cantata da Les Pretres
                                                                                    

                                                MADRE DELL'UMANITA'                                                                                

IL RUOLO DELLA DONNA NELL’UNIVERSO
dal Maestro Francesco


Il nome della Madonna, Mariam, racchiude in sé musica, suoni e colori. In esso è il fruscio del vento tra le canne, il lento frangersi delle onde del mare, al tramonto, sulla riva, la brezza dolce nel cielo azzurro di primavera, i pacifici suoni della natura, profumo e serenità. E’ un calice di terso cristallo che rifrange la luce in mille bagliori, colmo di musica e di meravigliosi colori, un calice che trabocca d’amore. Mariam è tutto ciò e anche di più, colori e musica che i limitati sensi umani non riescono a percepire, profumo inebriante, dolcezza infinita, carità, comprensione. Adorando la Trinità si adora anche lei, che ad essa è unita indissolubilmente a causa del suo sacrificio, della sua dedizione, dell’aver annullato la sua volontà in Dio per amore dell’uomo. Mariam è una madre, una sorella, un’amica. E’ il riposo di chi è stanco e affaticato dalla vita, è un cuscino di piume dove riposare il capo stanco e provato dall’esistenza, è un soffice giaciglio per chi cammina da troppo tempo su sassi acuminati. Mariam sa, Mariam comprende, Mariam conforta e lenisce. Nel suo nome è una cascata d’acqua scintillante e refrigerante che spegne l’arsura di chi nel mondo non trova da dissetarsi, di chi cerca senza sapere cosa cercare, è una luce sicura e confortante per chi vaga nel buio, un bastone a cui appoggiarsi mentre si sale o si scende per erte ripide e scivolose. Mariam è il vento fresco della sera in giornate assolate e torride, Mariam è il conforto della notte che scioglie i pensieri e invita al riposo.
Mariam si prende cura dell’umanità come se fosse un unico figlio, il suo unico figlio, e nell’amore e nel sacrificio di Gesù questa umanità è stata lavata e mondata e resa nuovamente scintillante come quando fu creata. A voi il compito di mantenere inalterata la vostra luce, di non vanificare il sacrificio del Cristo e di sua Madre che tanto vi amano e si preoccupano per voi, che vi evitano di inciampare e vi spianano la strada. Il Male sempre architetta per togliervi la Luce e nascondervi i sassi, le storture, i buchi e i fossati, li ricopre di un velo di ottusità, di carnalità, di desiderio, di materialità. Vi fa sembrare la strada liscia, desiderabile, percorribile, piana. E gli ingenui, gli sciocchi, gli accecati dal desiderio materiale, dall’invidia, dalla brama di possesso, gli inutili, i limitati, quelli a cui viene fatto credere a una loro presunta superiorità, i razzisti, gli sciovinisti, la percorrono beati, senza accorgersi dei trabocchetti che essa contiene.
Il disprezzo della donna è la tentazione peggiore. Il bieco maschilismo, che fa disprezzare l’opera più raffinata e preziosa del Creatore, usata come oggetto di sessualità e disprezzata per questo, considerata un mero contenitore per generare figli, senza carattere, senza personalità, senza valore. L’uomo, il maschio, teme e invidia la donna, che è la regina dell’umanità, a cui è stata affidata la capacità di procreare e di trasmettere la vita, la più bella dote che Dio poteva affidare all’uomo, che rappresenta la sua stessa volontà creatrice.
La donna ha il potere di generare, di creare, sarà sempre superiore all’uomo per la sua capacità di soffrire, di darsi, di amare, di lenire, di confortare. E il Male vuole spegnere tutto ciò, distruggere ciò che Dio ha creato, vilipendere ciò che da Dio è stato posto alla sommità dell’universo. La donna è preziosa, rappresenta la parte femminile del Dio Padre-Madre, la sua parte dolce, comprensiva, generatrice, la donna dona fertilità alla terra, la donna, in tutte le specie, è portatrice di vita. Distruggere la dignità della donna equivale a calpestare l’immagine stessa di Dio.
E’ questo che in molti Paesi lo spirito del Male spinge a fare, ottenebrando la mente, accendendo i sensi, spegnendo la volontà, e la capacità, di discernimento. E il suo gregge lo segue benedicente e applicando contro la donna quella che chiamano la Legge di Dio ed è, invece, la volontà del Male. Ma Michele e le sue schiere, Chamuel e i suoi angeli, Jophiel, Cristina, gli angeli della Pace e dell’Illuminazione e tutti quanti gli altri, combattono duramente per stracciare le Ombre che continuamente vi assalgono, combattono per sciogliere la benda che copre gli occhi di molti e mostrare il Male nella sua nudità, senza orpelli che lo nascondano, lo abbelliscano, senza fumo per travisare la verità.
Comincia il mese di Maggio, il mese di Maria.
Amatela e onoratela, e con lei tutte le donne. E’ il mese della maternità, il mese della Festa della Mamma e di tutte le donne che mamme non sono, ma che sono madri dell’umanità . Questa è la festa della Donna, della Mamma, dell’Amica, della Sorella, del sostegno e della protezione. Vogliatevi bene fanciulle, ragazze, signore insegnate alle vostre figlie a volersi bene, ad amarsi e a rispettarsi. Rispettate voi stesse e il vostro compito, e la vostra dignità brillerà intorno a voi.
 Mirate a comportarvi come un duplicato di Maria e avrete la possibilità di salvare il mondo, di salvare gli uomini da se stessi, di sconfiggere il Male e di rivelare le sue astuzie e le sue menzogne. Gli Angeli e gli Arcangeli stanno combattendo per voi, donne della Terra.
Dimostratevene degne.
Questo è il dono e l’abbraccio di Dio a tutte le donne, non a tutte le mamme, a tutte le donne che ha voluto in terra perché con la loro presenza impreziosissero e benedicessero il mondo.

Torna ai contenuti | Torna al menu